giovedì 16 luglio 2015

Frammenti #2

Cercare punti di vista differenti, non aver paura di sbagliare e divertirsi.. Muoversi, chiudere gli occhi e respirare quello che c'è intorno, aprire i sensi e cercare di imprimere l'energia.
Emozionarsi, trascrivere queste emozioni e lasciarle correre come un torrente di montagna, vive ma non troppo veloci.

martedì 26 maggio 2015

I ragazzi che si amano


I ragazzi che si amano si baciano in piedi

Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore.
(Prevert)


I ragazzi che si amano


giovedì 19 marzo 2015

Frammenti #1

Non sono una di quelle persone che fanno delle date il racconto della loro vita.
Già ai tempi della scuola, nonostante la mia formidabile memoria per i numeri, non riuscivo a farmi rimanere in mente tutte quelle date di storia.
Ricordo i compleanni, alcuni avvenimenti che forse sono coincisi con date facili da ricordare... 
Non ricordo il giorno in cui lei ha dormito la prima volta in casa nuova, nè la prima volta che ha parlato di se come singolo individuo e nemmeno quando lui è andato via.
Ricordo però Lunedi 22 Aprile come fosse ora, l'ultima volta che noi siamo stati noi.
L'ultimo pranzo tutti insieme, quando più di ogni altra volta avrei voluto allungare il tempo per sentirmi ancora  per un pò parte di noi.
Si dice che il tempo sistemi le cose, che tutto passa. Spero sia vero, ma ho la netta sensazione che con alcune ferite si impari a convivere, ma il segno che lasciano sarà sempre li, pronto per risvegliare i ricordi.

mercoledì 4 marzo 2015

E' delicato

Ciao a tutti! 
Passato bene il weekend? Io ho trascorso tutto sabato in cucina per la preparazione della cena: avevamo invitato degli amici e ci tenevamo a fare bella figura. Così sabato mattina presto sono andata a fare la spesa e ho buttato giù un menù: come aperitivo abbiamo mangiato dei cuoricini ricavati dal pane panda arrostito con una salsa di yogurt greco e salmone affumicato; per antipasto un soutè di cozze; per primo degli spaghetti alla chitarra allo scoglio aromatizzati al limone e infine per secondo dei filetti di merluzzo al cartoccio con arancia e timo. 
La cena è stata un successone, ma ci ho messo davvero molte energie tra pulire tutto il pesce e cucinarlo.. così domenica mi sono rilassata e ho approfittato per scattare qualche foto ad un mazzo di tulipani stupendi. 



Era una giornata molto nuvolosa, ma fortuna ha voluto che proprio mentre portavo tutta l attrezzatura in terrazza sbucasse qualche bel raggio di sole



E' stata davvero la dimostrazione che se si ha voglia di fare si possono ottenere dei bei risultati e soprattutto che l'importante è scattare, è l'unico modo per imparare e migliorarsi.


Visto che c'ero ho approfittato per fermare la bellezza di questo stupendo anemone che mi ha regalato la mia mamma anno scorso e che quest'anno ha deciso di farmi felice facendomi tre bellissimi fiori.


Photos by me don't use without my permission

Quanto sono belli i fiori con la loro delicatezza? Io adoro tenerne un mazzo fresco in cucina o in salotto, mi mettono allegria e sono un ottimo soggetto quando mi prende voglia di fare delle foto e non ho modo di fare delle uscite vere e proprie.

Buona giornata e a presto!

martedì 24 febbraio 2015

Frammenti


Tornare dalla palestra soddisfatta di aver fatto qualcosa per me, stanca ma felice. Devo ricordarmi quella sensazione di pieno appagamento che si prova dopo aver fatto qualcosa per il nostro fisico, mente e corpo.  
Una cena cucinata in fretta e sentitrti dire è buonissimo, speciale. Due camomille di cui una con il limone, la tua. Pensare di essere estremamente fortunati ad avere noi, che anche se si torna a casa con la testa fusa e le parole finite, i sorrisi no... quelli ci sono sempre. E' un momento di decisioni, di responsabilità, di delusioni e di speranze, non si sa come sarà la strada che si andrà a percorrere, ma l'importante è percorrerla con il cuore.
Due camomille bevute sul divano, la stanchezza ma anche la gioia di essere insieme e non volersi addormentare perchè poi è già domani. Pensare a queste parole ma non riuscire ad appuntarle perchè chissa dove ho messo l'agenda, ma poi all'improvviso rieccole spuntare e allora no, non posso rimandare. Dovevo scriverle.

Images by me

venerdì 13 febbraio 2015

Una colazione speciale

Bentornati, 
oggi è una giornata grigia, nella zona dove abito di inverno spesso è cosi. Non è neanche nebbia, che anche quella non manca... ma è proprio grigiume che incombe!!!
E allora si cerca il sole dove sappiamo di trovarlo, nelle cose belle che abbiamo fatto, nei progetti da fare.. 
Tra le cose belle che ho fatto io c'è sicuramente una torta, e la colazione di sabato scorso.
Avete presente quando un' idea vi entra in testa e nonostante tutti i vostri tentativi per scacciare quel pensiero questo torna insistentemente ad affacciarsi alla mente?
Ecco, per questa torta è andata proprio cosi... 
La settimana scorsa sarebbe dovuto venire il mio cuginetto a dormire da noi ed è lì che ho cominciato a pensare di fare un qualcosa per una colazione speciale... Per ogni idea che mi veniva in mente, trovavo il motivo per cui non metterla in pratica, in linea di massima perchè è un periodo che sto attenta a quello che mangio e i dolci diciamo sono per lo più esclusi!
Nel frattempo però, tra virus che incombevano, e la bella nevicata di cui vi ho postato le foto abbiamo rimandato a data da definire. Ma capirete voi che io, a casa dal lavoro, pulizie fatte, internet a portata di mano... Come avrei potuto resistere a quella vocina che mi chiedeva insistente di cioccolato e profumo di torta???
Difatti, nel pomeriggio un post su Instagram ha buttato giù ogni barriera tra me e quel desiderio di cose buone.
Era diverso tempo che volevo provare una ricetta di un banana bread, nonostante non sia una vera amante delle banane. Però che dirvi, tutti che ne parlano bene, tante le ricette che si trovano sul web, l'idea che fosse un dolce non dolce...E una banana solitaria che dalla fruttiera mi implorava una degna fine... Insomma, tempo di aver contato quell'unica banana che avevo ed ero già in preparazione!
Le modifiche che ho fatto sono abbondanti, in effetti forse avevo solo bisogno di uno spunto da cui partire, ma il risultato mi è piaciuto davvero tanto e lo condivido con voi.

Innanzitutto ho fatto un plumcake e non un ciambellone perchè ho solo quello stampo, poi, appunto, avevo una sola banana quindi ho pensato di frullarla insieme a 2 barattoli di yogurt al cocco. Infine, non amando le nocciole le ho sositituite con i pinoli...
Ah! Ho anche sostituito la farina con 2 parti di integrale e 1 di fecola.

Ecco la ricetta completa:
110 gr di burro
175 gr zucchero integrale
2 uova
1 banana
2 yogurt al cocco
80 gr cioccolato tritato grossolanamente
170 gr farina integrale
80 gr fecola di patate
5 gr lievito
5 gr bicarbonato
20 gr miele
pinoli da mettere in superficie

Ho seguito la ricetta originale per quanto riguarda la preparazione ovvero:

Accendere il forno (io 160 ° statico per 40 minuti + 20 minuti 180° ventilato)
Lavorare nella planetaria o con le fruste elettriche  zucchero e burro ammorbidito, fino a formare una specie di crema densa.
Unire le uova una alla volta e continuare a mescolare, poi aggiugere farina, lievito e bicarbonato setacciati e far andare le fruste. Il composto risulterà abbastanza duro ma poi migliora con la parte liquida.
Aggiungere la banana e lo yogurt che dovranno essere stati frullati insieme e continuare a lavorare finchè non diventa cremoso.
Spengere le fruste, aggiungere il miele e il cioccolato e mescolare bene con una spatola.
Versare il composto in uno stampo rivestito di carta forno e cuocere in forno caldo.
Come vi dicevo la ricetta prevedeva forno statico 160 ° per 40 minuti ma trascorso questo tempo facendo la prova stecchino era completamente liquido all'interno quindi ho impostato forno ventilato e 180° per altri 20 minuti circa.

La mattina dopo, complice tempo libero a disposizione, ho apparecchiato la tavola con questi fiori che ho adorato, ho sistemato tazzine e piattini e abbiamo fatto una colazione molto speciale!


E a voi a cosa piace pensare per migliorare una giornata grigia?
Vi saluto augurandovi un felice weekend, io lo passerò cucinando con il mio amore per una cena romantica, cucinando per una amica e scattando foto... Nel modo in cui amo di più trascorrere il tempo!!!
A presto!!!



venerdì 6 febbraio 2015

Ricomincio per me

Ciao, 
ne è passato di tempo, lo so ogni volta prometto di non prendere più le distanze e sistematicamente mi sbugiardo da sola. 
Ho la testa che pullula di pensieri, di idee, ma come sempre pochissime vengono portate a termine, il tempo è sempre poco, mi chiedo dove trovino tutte queste energie le persone a cui mi ispiro e che seguo sempre.. 
Ad ogni modo in questo periodo c'è chi mi ha chiesto: "ma perché non pubblichi più niente di nuovo?" "e dai aggiorna il blog, io vado a sbirciare e mi tocca rileggere i post vecchi..", e quindi eccomi, non so per quanto, non so come, so che stamani mi sono svegliata con la neve, ho fatto delle foto, ed è proprio da qui che vorrei ricominciare, dalle mie foto.
Da ciò che a volte mi rende soddisfatta, felice.. anche se molte di quelle fatte negli ultimi periodi non posso pubblicarle perché sono state fatte ai bambini, ho deciso che mi impegnerò per farne altre, e spero serva anche a me per essere stimolata a farne sempre più.




Come vi dicevo, stamani ci siamo svegliati che nevicava, è sempre un'emozione. A noi la neve piace, specialmente così, vista cadere al sicuro e al caldo di casa, quel silenzio ovattato, quel candore.. 






Nasi appiccicati ai vetri delle finestre, occhi curiosi, calzettoni di lana e coperta di pile sempre pronta... Una bella tazza di tisana calda, magari il camino acceso e una bella crostata alla nutella. Per noi la neve è tutto questo, e per voi?




Ho provato a buttare dei semini per i pettirosso e gli altri uccellini, speravo si avvicinassero di più, invece l'unico più temerario è stato questo merlo, che dopo aver fatto uno spuntino i è messo a riposare sul fico di fronte.




Spero vi siano piaciute, un abbraccio.